Roccia


Abbracciami
“non nascondermi il tuo tormento”
sarò il tuo pinnacolo.
Passo dopo passo
ti arrampicherai
guidato dalla mia forza
L’amico è quella roccia
nulla ti chiede, ti guida
dal basso ti vede salire
ma sente sempre il tuo abbraccio
la roccia diventa volontà
ancor più intensa.
La stretta si allenta
sei arrivato alla vetta
il tormento è svanito
Io fedele amico
un poco ti ho aiutato.

@ Orofiorentino

incipit “….non nascondermi il tuo tormento…” di Gabriele D’Annunzio

Chiudo gli occhi
per vedere te
appare quel sorriso
che ci riempiva di sintonia
Tu per me, io per te
semplice magia
tempestata di stelle.

@ Orofiorentino

Incipit: Chiudevo gli occhi per vedere te

Immagine web

Così tra questa Immensità
s’annega il pensier mio:
grande, grande che solo
l’immenso lo può comprendere
cullarlo come felicità infante.
Pensier mio che sboccerà
candido fiore vellutato
di speranze ritrovate
o forse
troppo presto cancellate.

Incipit: Così tra questa Immensità s’annega il pensier mio: dai versi di Giacomo Leopardi

@ orofiorentino

Cliccate sul link sottostante e guardate che meraviglia di video ( cortissimo)

https://pin.it/4E6aFOE

Sotto la pioggia

Ballando sotto la pioggia
liberi, accesi
dalla nostra follia
sentiamo sogni
tatuati sulla pelle
carezze disegnate
sfumate dalla stravaganza
di questi attimi
non senso di noi
purchè nostri nella notte.

@ Orofiorentino

spunto da questa frase ” Lascia che la tua follia si fonda con la mia” tratta dalla canzone Purchè tua