Personaggi nati a Cambridge

Richard Attenborough -Barone di Richmond upon Thames (Cambridge, 29 agosto 1923 – Londra, 24 agosto 2014. Attore, regista e produttore britannico. I suoi documentari sono noti in tutto il mondo come i suoi film

JOHN MAYNARD KEYNES – L’importanza della moneta John Maynard Keynes nasce a Cambridge (Inghilterra) il 5 giugno 1883. Il suo nome è noto nel mondo economico per essere considerato tra i più importanti economisti del XX secolo,…

OLIVIA NEWTON-JOHN – Musica, grande schermo e grandi successi Olivia Newton-John nasce a Cambridge (Inghilterra), il 26 settembre 1948, da Brin Newton-John e da Irene Born. Chi non la ricorda?

Mi limito a questi 3 tanto per dare un assaggio: in realtà le persone conosciute nel mondo nate a Cambridge sono 80.

@ Orofiorentino

Annunci

Mathematical Bridge Cambridge

Uno dei ponti più conosciuti di Cambridge è il: Mathematical Bridge. Una popolare leggenda locale vuole protagonista Sir Isaac Newton. Si dice infatti che il celebre scienziato realizzò il ponte per dimostrare le proprietà della gravità. Certo sarebbe stata un’impresa non da poco, visto che il fisico-matematico era morto più di 20 anni prima…

Edificato nel 1749 da James Essex il Giovane e ricostruito (identico) per ben due volte. Osservate da vicino la struttura, che sembra formare un arco sul fiume, mentre invece è fatta di travi diritte disposte però in modo da conferire la forma peculiare e garantire una notevole resistenza.

non vi pentirete di aver visitato questo pezzo di campus Universitario, è un vero gioiello

Orofiorentino

Sul
Fiume Cam Ponte Matematico
piacevole alla vista
bello da
attraversare

@ Orofiorentino

Come passare alla storia con un….panino

John Montagu, IV conte di Sandwich (paese del Kent) fu un diplomatico e ammiraglio Britannico molto noto. Un uomo dai molteplici impegni. Fece parte anche della Camera dei Lord. Spesso non aveva nemmeno il tempo di andare a tavola per mangiare. Per togliersi l’appetito si faceva portare un panino imbottito che mangiava alla scrivania…da qui nacque il Sandwich !
Passato alla storia e molto amato ai giorni nostri: il Sandwich ci rende sempre felici.

 

@ orofiorentino

La cucina…una passione di Leonardo da Vinci

Ci sono oggetti, come i tovaglioli, che pensiamo esistano sulle tavole da sempre. In realtà fino alla fine del Medioevo, che si trattasse di reali e nobili o di semplici contadini, i commensali erano soliti pulirsi bocca e mani con la tovaglia. Fu merito di Leonardo Da Vinci se agli albori dell’età moderna, esattamente nel 1491, questa rozza consuetudine fu superata e i tovaglioli giunsero sulle tavole dei signori dell’epoca.

Il grande genio fiorentino, oltre ad eccellere nelle più varie declinazioni dell’arte e della conoscenza, trovò anche il tempo di dedicarsi all’universo della tavola e dell’apparecchiatura. Infastidito dai gesti barbari e dall’incuranza diffusa nei banchetti di Ludovico Sforzo Il Moro e spinto dall’amore per la pulizia e l’ordine, Leonardo ebbe l’intuizione di creare “una tovaglia in miniatura” per ciascun ospite, il tovagliolo appunto.

«Una volta, a fine cena — così racconta Leonardo Da Vinci in quello che oggi è chiamato Codice Romanoff — dopo che gli ospiti se n’erano andati, guardando la tovaglia del mio Signore Ludovico, ho visto una scena di totale disordine e inciviltà — neanche un campo di battaglia poteva assomigliarle — e ora penso che la mia prima priorità, prima di qualsiasi cavallo o pala d’altare, sia quella di trovare una soluzione. Ne ho già in mente una».

L’interesse di Leonardo per la questione del resto è documentata anche dai numerosi rapporti inviati da Pietro Alemanni, ambasciatore di Firenze a Milano, al signore di Firenze in cui lo informa dell’impegno di Leonardo a favore di una maggiore civiltà al momento dei pasti: «Signoria Fiorentina (luglio 1491 — Annuali di Firenze, volume 14, pagine 314-315) dichiara che Mastro Leonardo… da qualche tempo ha abbandonato la scultura e la geometria per risolvere i problemi delle tovaglie del Sire Lodovico, la cui sporcizia — me l’ha confessato — lo assilla. E adesso ha messo in tavola la sua soluzione: una tovaglia individuale posta davanti ad ogni ospite, da insozzare al posto della tovaglia grande».

Attraverso la preziosa testimonianza di Pietro Alemanni veniamo a conoscenza anche dell’iniziale insuccesso riscontrato dall’invenzione di Da Vinci. Alla sua prima apparizione sulla scena pubblica, il tovagliolo venne utilizzato nella maniere più diverse e fantasiose: alcuni ci soffiorano il naso, altri giocarono a tirarsela addosso, altri ancora ci nascosero le vivande da portare a casa, altri ci si sedettero persino sopra. A nessuno venne in mente, però, di impiegare il tovagliolo per pulirsi la bocca, come sperato dal suo inventore. Il risultato? La solita tovaglia piena di macchie e disordine.

Nonostante il disappunto per quanto avvenuto, Leonardo tuttavia non si perse d’animo e arrivò persino a disegnare degli schemi per illustrare come piegare i tovaglioli in delle forme somiglianti a fiori, uccelli e palazzi. Ma l’ingegno dell’artista non si fermò solo qui. Per agevolare l’igiene nelle mense dell’epoca progettò anche dei macchinari ruotanti per asciugare i tovaglioli dopo il lavaggio. Tali macchine potevano essere manovrate dagli uomini e, non si sa bene ancora come, dalle api!

L’ideale di pulizia e ordine di Leonardo ancora oggi del resto possiamo ammirarlo nella bella tavola raffigurata dell’Ultima Cena di Milano. Una tavola, certamente, ben diversa da quella della sua epoca!

Di Alessandra Cioccarelli