Benvenuto Cellini, orafo


160120795.iidtj3l8

Nato in una famiglia di costruttori di strumenti musicali, fu inizialmente avviato verso il canto e il flauto. Emerse però presto il suo talento come scultore e in particolare come orafo, attività che lo impegnò nei primi anni della sua carriera.
Anche lui era, come Donatello, di temperamento piuttosto forte. Già a sedici anni venne infatti allontanato da Firenze per aver partecipato a una rissa, circostanza che si sarebbe poi ripetuta anche in anni successivi. Rifugiatosi a Roma, difese la città durante il sacco del 1527.cellini-saliera-hippocampen Particolare

Per tutta la vita continuò le peregrinazioni tra Firenze, Roma e la Francia, spesso dovute a minacce di morte e uccisioni da lui stesso compiute. Tutti questi fatti, tra l’altro, finì per raccontarli con una certa schiettezza in una celebre autobiografia, La vita, completata nel 1566.
Per quanto riguarda i lavori di oreficeria, non si può non segnalare la Saliera realizzata per re Francesco I di Francia in ebano, oro e smalti. Oggi è conservata al Kunsthistorisches Museum di Vienna.

440px-saliera_von_benvenuto_cellini_28schiff_als_salzbehc3a4lter29È un’opera del tardo Rinascimento e mostra una rappresentazione allegoria del pianeta Terra : Nettuno , il dio del mare, una nave come un contenitore di sale ai suoi piedi, trasportato da quattro creature simili a cavalli con un corpo di cavallo e code di pesce, e Tellus , la dea romana della terra. Al suo fianco si trova un edificio del tempio che funge da contenitore per il pepe, nonché le raffigurazioni di animali terrestri e una cornucopia brulicante di fiori e frutti. La scultura è alta circa 26 cm e larga 33 cm. La botte di sale poggiava su quattro palline d’avorio vagamente incastonate nell’ebano, in modo che potesse rotolare su tutti i lati.

Il valore della scultura (2006) è stimato a circa 50 milioni di euro (la base per questa stima è il valore assicurativo).

Orofiorentino

Un pensiero su “Benvenuto Cellini, orafo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...