Zavorre pesanti


E il vento della notte gira nel cielo e canta
Per consolare uno strazio che urla, feroce come una tormenta di neve, come una tempesta di sabbia. L’anima chiede solo pace per quel poco che resta. Mille anni di storia mi costringono a continuare. I miei antenati non vorrebbero che la loro ultima discendente si arrendesse ad un subdolo, vigliacco nemico che non ha nemmeno il coraggio di affrontarti a viso aperto.
Così porto zavorre pesanti e il vento della notte gira nel cielo e canta per aiutarmi. In quel canto c’è tutto il sentimento che solo la verità può regalare. Questo canto forte che innalza l’animo sopra qualunque urlo di cattiveria. E continua il camino fino alle tombe degli antenati per poter dire:. Non son da meno del vostro nome. Accasciarsi lì non più sola. Le loro mani mi accolgono e il vento della notte gira nel cielo e canta quel sussurro ormai infinito

@ orofiorentino

Dedicata a me stessa

 

Immagina di…http://www.alexenne.com/Natalie Shau/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...