QUANTE VOLTE MI SONO SENTITA PERSA.
CHIUSA IN UN BUIO
TANTO PROFONDO DA CREDERE
CHE AVESSE INGOIATO IL SOLE.

CHINA SULLE MIE LACRIME
MANI BAGNATE DI SALE
STRINGO IL FREDDO CHE MI AVVOLGE
COME UNO SCIALLE RICAMATO DI NEVE.
POI
UNA LUCE LONTANA, FIOCA…QUASI NON VERA
MI PRENDE.

LENTO TORNA A SCORRERE IL SANGUE NEL CUORE
MI ALZO
MI AVVIO
SI: DEVO VIVERE
VOGLIO VIVERE.

ALTRI MULINI A VENTO MI ASPETTANO.

@ OROFIORENTINO

 



Annunci
Questa voce è stata pubblicata in poesia.

3 commenti su “

  1. Carlo Galli ha detto:

    la ho riletta un po’ di volte…
    stupenda stupenda stupenda!!!!

  2. Patrizia M. ha detto:

    Fantastica, la sento molto mia, in questo periodo vedo nero e quindi ora devo trovare la luce lontana e riprendere a lottare contro altri mulini.
    Grazie, è come se mi avessi letto nel cuore!!!
    Un abbraccio, Pat

  3. Vito M. ha detto:

    Mi piace davvero tanto…. la chiosa è un inno alla speranza, un invito a non disperare, quella luce, nonostante il buio, appare sempre…
    Buona giornata, con amicizia, Vito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...